E tu, hai paura del Natale?

natale paura

Se ne parla poco, perché l’immagine idilliaca della festa più bella dell’anno su cui fa leva la pubblicità, non ammette tristezze. Ma è più frequente di quanto si pensi ed è tutta colpa  dei luoghi comuni e dell’esasperazione delle credenze natalizie.

Christmas blues: i disturbi dell’umore

Nulla di grave ma assolutamente da evitare per non rovinarsi la festa. Un passo importante è proprio non esagerare con la gioia a tutti i costi per non sentirsi inadeguati e non alzare troppo, la stanghetta delle aspettative. Meglio concedersi qualche momento no e metterlo in conto per tempo. Secondo passo, prendere atto che il Natale è davvero un fattore di stress che mette a dura prova mente e corpo anche delle persone più felici. A contribuire, entra in scena anche la ricerca dei regali che logorano nervi e portafoglio.

Viviamo i regali come “resa dei conti”, mezzi per sdebitarci o dimostrare il nostro affetto. In mancanza di tempo e/o idee adeguate, tendiamo a spendere troppo; ma nessuna idea sarà adeguata, se carichiamo il dono di aspettative eccessi un semplice ragionamento: quando siamo noi a ricevere un pacchetto, gli diamo tutta questa importanza? In genere, ci fa piacere e basta.

Un periodo buio

Un periodo buio

Oltre ai regali a livello mentale, ne risente anche il corpo: corse affannate, cibi pesanti, sonno irregolare, code in automobile, mezzi pubblici affollati, impegni sociali. Aggiungiamo la mancanza di ore di sole, ed ecco la malinconia. Per sopravvivere è indispensabile uscire dal tunnel delle ritualità imposte e crearsi una propria tradizione su misura. Siate forti e un pizzico egoisti: non cercate di accontentare tutti, non programmate troppo e non concentrate tutte le aspettative su un evento o un giorno. Gli esperti raccomandano anche di non negare i problemi o probabili situazioni sgradevoli.

L’amore è l’ingrediente principale e indispensabile del Natale. Dunque, è ben difficile non sentirsi giù di corda se si è in crisi con il fidanzato o con i parenti. Perciò anche in questo caso dobbiamo abbassare le pretese, ma anche allargare i nostri orizzonti: aiutare qualcuno, pensare un po’ a chi ha più bisogno sono le migliori terapie anti-Christmas blues.