I vizi capitali

avarizia peccato

I vizi capitali: l’avarizia

L'avarizia è il secondo dei vizi capitali, nella tradizione della Chiesa, un attaccamento smodato alle ricchezze; per San Paolo invece è la radice di tutti i mali, peccato dei peccati. Gli avari valutano il...
ira

I vizi capitali: l’ira

L’ira è, tra i vizi capitali, quello che produce più danno in chi lo prova. Dante ne aveva colto l’aspetto autodistruttivo: gli iracondi nel fango si prendono a calci, pugni e dilaniano a morsi....
SUPERBIA

I vizi capitali: la superbia

Il primo dei vizi capitali è la superbi. Per i Padri della chiesa, Sant’Anselmo, San Tommaso, Sant’Agostino e San Gregorio Magno, la Superbia è la regina dei vizi, origine di tutti gli altri. Ma...
invidia

I vizi capitali: l’invidia

Nulla di positivo in questo sentimento: l’invidia, dice san Tommaso, è la tristezza che si prova per un bene o  una qualità altrui che si vorrebbero avere. Al contrario di altri peccati in cui...
GOLA

I vizi capitali: la gola

Il vizio della gola - il quinto dei peccati capitali - è l’appetito disordinato, vale a dire eccessivo dI cibo e bevande. In questi tempi però risulta difficile pensare che la gola possa essere...
accidia

I vizi capitali: l’accidia

Eccoci arrivati all’ultimo dei peccati capitali, forse il più misterioso e difficile da capire: l’accidia. Il termine proveniente dal greco akedía, viene da kêdos (cura) con a privativa significa mancanza di cura e indicava in...
lussuria

I vizi capitali: la lussuria

La lussuria - il terzo dei sette vizi capitali - è il desiderio disordinato del piacere carnale. La parola proviene dal latino luxus che significa “rigoglio”, “esuberanza” ma anche “eccesso” ed “esagerazione”. Aristotele definisce la...

SEGUI ASTRA SU INSTAGRAM

VIDEO

OROSCOPO DEL GIORNO