Transiti 2021: La danza dei pianeti

I transiti 2021 evidenziano uno straordinario passaggio epocale astrologico segna il nuovo anno: Giove e Saturno si rincontrano dopo 219 anni

transiti 2021 pianeti

I transiti 2021 evidenziano uno straordinario passaggio epocale astrologico segna il nuovo anno: Giove e Saturno si rincontrano dopo 219 anni

Sotto la recente congiunzione di Giove e Saturno in Acquario, visibile nei transiti 2021, iniziano dunque i due prossimi secoli durante i quali le loro congiunzioni si formeranno in Segni d’Aria nonché, in senso più stretto, il prossimo ciclo ventennale tra i due pianeti. L’Aria è un Elemento che parla di comunicazione, di movimento, di scambio e in particolare l’Acquario è un Segno che, nel governo di Urano, esprime una forte valenza di rinnovamento, distruttivo del passato ormai sterile e promotore di un futuro diverso, di una progettualità che superi le ristrette visioni materialistiche ed egoistiche, ponendosi obiettivi globalmente condivisibili. Prima di cedere a facili entusiasmi su un imminente avvento dell’auspicata Era dell’Acquario caratterizzata da solidarietà, equità e fratellanza universale, è necessario ricordare che questo 2021 rappresenta l’inizio di un periodo ben più lungo. Proprio le fasi di passaggio mostrano inevitabilmente lo scontro tra il vecchio e il nuovo, con strutture di potere (istituzionali, politiche, economiche) che si irrigidiscono per autodifesa e combattono contro ciò che le minaccia, nonché abitudini comportamentali che tendono a perpetuarsi, se non altro perché cambiare è scomodo e spaventa.

Transiti 2021: La danza dei pianeti

Ecco perché il prossimo anno non prepara una trasformazione rapida o indolore e potrebbe al contrario risultare instabile e destabilizzante mostrando un’intensificazione delle tensioni, un aumento dell’insicurezza, del bisogno e della ricerca di qualcosa d’altro, di diverso, di meglio per le persone e la società. Non a caso Giove e Saturno nel loro passaggio in Acquario entreranno in orbita dissonante con Urano, cioè proprio il pianeta che in Acquario ha il domicilio e che ne rappresenta l’essenza: una lotta quindi tra ciò che deve morire e ciò che può nascere e vuole rinascere. In particolare Saturno formerà tre quadrature con Urano (in febbraio, in giugno e in dicembre) e quindi insisterà per tutto l’anno a confrontarci con le difficoltà, i timori e le incognite del tempo che passa. Non dobbiamo pensare però che lo scontro tra futuro e passato sia una lotta tra bene e male: basterebbe la nostra storia recente a dimostrare le insidie – palesi o nascoste – del cosiddetto progresso.

Transiti 2021: La danza dei pianeti

Piuttosto la sfida dei tempi è di trovare una mediazione realistica, non ideologica, tra le derive della conservazione nella consapevolezza che questo tipo di società ha mostrato, con lo scorrere del tempo, come tutto e tutti, i suoi limiti. Ma ciò non toglie che serva altro per costruire nuovi modi di vivere, di convivere, di abitare il nostro pianeta. E il signore dei limiti è pur sempre Saturno. Per quanto riguarda il Covid, per esempio, sembra molto probabile che nuove scoperte scientifiche (terapie, vaccini) ne ridimensionino sensibilmente l’impatto sulla salute fisica; resterà però ovviamente uno strascico sugli equilibri emotivi e sociali, con Plutone che ancora si oppone al Cancro, Segno legato alla famiglia, alla gente comune. Da parte sua Urano in Toro ci ricorda che il futuro non può certo essere un ritorno a stili di vita primitivi, bucolici e romantici, ma nemmeno un asettico panorama dell’immaginario fantascientifico. Sul piano ecologico dobbiamo ancora affrontare i problemi dell’inquinamento, dei cambiamenti climatici, dello smaltimento dei rifiuti, dell’energia rinnovabile, degli squilibri agli ecosistemi vegetali e animali…

Transiti 2021: La danza dei pianeti

Tutto ciò chiederà sacrifici e impegno, una visione politica lungimirante, condivisa a livello mondiale ma necessariamente rispettosa delle realtà locali, oltre a modifiche nei comportamenti individuali, nell’approccio al consumo, all’alimentazione, al commercio. In più dovremo accettare cambiamenti sociali e culturali legati all’interazione stessa tra uomini di razze e religioni diverse, puntando a un’integrazione difficile ma inevitabile e responsabile, a una nuova morale che non sia imposta dalle leggi ma parta dal senso comune e dalla coscienza. A questo contribuirà Giove che transiterà in Pesci da metà maggio a fine luglio e che concluderà l’anno con il suo ingresso definitivo, affiancando Nettuno nella presenza e nel governo del Segno della spiritualità. È possibile che un giorno, in un futuro non immediato ma che parte da questo presente, la parità di diritti e doveri non sarà più un’utopia.

Leggi anche:

Sprazzi di sereno nel Cielo del 2021