Un mondo di cambiamenti: tutte le previsioni del 2020

Il 2020 segna la fine di un ciclo planetario e l’avvio di uno nuovo, con migliori prospettive per il mondo in generale. Ce lo raccontano i transiti

mondo 2020

Il 2020 segna la fine di un ciclo planetario e l’avvio di uno nuovo, con migliori prospettive per il mondo in generale. Ce lo raccontano i transiti

E così siamo arrivati al fatidico 2020, l’anno in cui il ciclo planetario raggiunge il suo minimo, secondo gli studi di Andrè Barbault. Giove è entrato in Capricorno il 2 ottobre 2019 e a maggio 2020 avrà già raggiunto i 27° del Segno: in quel momento i pianeti lenti saranno tutti concentrati in un arco di poco più di 90°, dai 27° di Giove in Capricorno al 6° di Urano in Toro. Nei mesi primaverili ci sarà anche un piccolo assaggio fornito da Saturno con il suo ingresso in Acquario il 22 marzo. Resterà sui primi due gradi del Segno fino al primo giorno di luglio, quando rientrerà in Capricorno dove resterà fino al 17 dicembre: nel corso di questo mese si ritroverà congiunto a Giove. Anche il pianeta della Fortuna maior entrerà in Acquario il 19 dicembre e gli scenari potranno cambiare non poco ma ne riparleremo l’anno prossimo. Gli anelli di sosta di Mercurio nel 2020 si formeranno nei tre Segni d’Acqua: Pesci, Cancro.

Gli anelli di sosta di Mercurio nel 2020 si formeranno nei tre Segni d’Acqua: Pesci, Cancro e Scorpione nell’ordine. Andranno quindi a formare eccellenti aspetti che saranno un notevole appoggio per Nettuno: potranno quindi accompagnarsi a un aumento generale della creatività e a un nuovo impulso per tutte le forme di arte che saranno oggetto di importanti iniziative in tutto il mondo. Il Tema d’ingresso, eretto per il 1 gennaio a Greenwich, che è il luogo dove simbolicamente tutto inizia, mostra la congiunzione Mercurio-Giove (i due pianeti della comunicazione) nei primi gradi del Capricorno in ottimo aspetto con Urano nei primi gradi del Toro: probabilmente vedremo svilupparsi nuovi e più veloci (e più sofisticati tecnologicamente) sistemi di comunicazione e di trasmissione non solo di notizie ma anche di denaro. Basterà davvero poco per provvedere a qualsiasi pagamento dovunque ci si trovi. Vedremo poi specificatamente che cosa questo aspetto potrà significare per i principali Paesi del mondo domificando il Tema per le diverse capitali.

boris trump

E dal momento che Greenwich è in Inghilterra questo Tema ci dice qualche cosa anche delle vicende del Regno Unito: Mercurio e Giove sono nella terza Casa e suggeriscono che probabilmente il governo inglese riuscirà a portare a termine la Brexit come è nel programma e a svincolarsi definitivamente dall’Unione Europea, tuttavia l’asse dei nodi che si sovrappone all’asse Medio Cielo-Fondo Cielo dice che ci saranno non pochi contraccolpi e che l’opposizione potrà diventare molto dura. Spostiamoci più a ovest e parliamo subito degli Stati Uniti dove, nel 2020 ci saranno le elezioni presidenziali. Trump cercherà in tutti i modi di ottenere il secondo mandato: a suo favore gioca la straordinaria ripresa economica che ha fatto volare il fatturato americano e ridato il sorriso a molti cittadini. A suo sfavore giocano i pesanti transiti che colpiranno il suo Tema Natale, in particolare con la triplice opposizione che Plutone, Saturno e Giove lanceranno dal Capricorno alla sua Venere che, nel Tema Natale, governa la decima Casa, quella del successo e dell’affermazione. Nello stesso tempo Nettuno transiterà in disarmonia prima con Urano e poi con il nodo nella decima Casa. Insomma, ottenere la rielezione non sarà una passeggiata e richiederà un grande dispendio di energie e di denaro. La congiunzione Mercurio Giove per gli Stati Uniti d’America si distribuisce tra quinta e sesta Casa con Urano che finisce nella decima. Elezioni presidenziali a parte, il 2020 si annuncia come un anno ricco di possibilità soprattutto per quanto riguarda il mondo del lavoro. Non solo potrà ulteriormente scendere la disoccupazione ma potrà essere semplificata la burocrazia per incoraggiare anche la piccola imprenditoria con incentivi sul piano fiscale e assicurativo. Marte nella quarta Casa segnala possibili nuovi episodi violenti, proteste e dimostrazioni di piazza.

Dagli Stati Uniti passiamo alla Russia. Per Putin il 2020 presenterà criticità e la distanza tra lui e la popolazione potrebbe aumentare e di conseguenza aumentare il dissenso. Con le dissonanze che colpiranno il suo Mercurio a fine Bilancia, Putin dovrà probabilmente rivedere alcune decisioni e fare qualche concessione per poter mantenere saldamente in mano le redini del Paese. Il Tema d’ingresso per Mosca è incoraggiante da questo punto di vista: una terza Casa imponente, sostenuta da Urano nella settima, segnala un grande miglioramento delle comunicazioni (anche da un punto di vista tecnologico) e probabili nuove alleanze. È possibile che la Russia riprenda con successo il suo programma di esplorazione spaziale. Tuttavia Marte nella prima Casa segnala che i conflitti anche armati in cui il Paese è coinvolto non troveranno una soluzione, almeno per quest’anno. La Cina sembra aver retto bene la guerra dei dazi da parte di Washington.

putin

Nei mesi estivi e autunnali Pechino ha dovuto fronteggiare la proteste interne di Hong Kong che hanno avuto ampia eco in tutto il mondo perché riguardano, in qualche modo, il delicato tema delle libertà civili che è sempre una spina nel fianco per il colosso cinese. Il Tema d’ingresso domificato per Pechino mostra uno stellium nella casa Dodicesima, segnale di una qualche prova da superare. In particolare la Cina potrebbe trovarsi costretta a garantireil libero accesso a Internet e ai social, attualmente molto limitato. Urano, che simboleggia la tecnologia, è in ottimo aspetto con Giove e Mercurio in Capricorno e in casa dodicesima. Tuttavia proprio grazie a queste concessioni, potrebbe anche esserci un miglioramento degli scambi commerciali e un grande impulso per tutti i tipi di affari. Per restare in Oriente andiamo a vedere quali possono essere le previsioni per la Siria. Nel Tema d’ingresso domificato per Damasco, Marte è nella prima Casa, segno che ci saranno ancora tensioni e azioni belliche. Ci sono però segnali incoraggianti: intanto i pianeti “benefici” sono nella quarta Casa e fanno pensare a una ritrovata armonia interna e a un reale desiderio di pace, inoltre i pianeti nella seconda Casa, ottimamente sostenuti da Urano nella sesta, fanno supporre un consolidamento del territorio e una ripresa economica che auguriamo di tutto cuore a questo Paese così devastato. Da oriente a occidente, andiamo in Sudamerica.

Si è molto parlato del Brasile e della politica di Bolsonaro che incoraggia la deforestazione dell’Amazzonia con grande preoccupazione degli ambientalisti. L’Amazzonia, con la sua sterminata foresta pluviale, è il polmone di tutto il pianeta, quello che rifornisce di ossigeno tutti noi. Nel Tema d’ingresso domificato per Brasilia, Marte finisce nella quarta Casa. Non mancheranno contrasti interni e probabilmente il “fuoco” simboleggiato da Marte non si spegnerà tanto presto: magari non brucerà più la foresta ma ci saranno altri incendi. Lo stellium nella quinta Casa suggerisce un’espansione demografica e un aumento dei contatti internazionali fino ad arrivare, forse, al tentativo di conquistare nuovi mercati esteri. Tentativo che potrebbe riuscire benissimo. E per finire ritorniamo in Europa e diamo un’occhiata alla Germania che occupa pur sempre una posizione di importanza primaria nella Comunità europea. Recenti elezioni locali hanno mostrato un avanzamento dei consensi per l’ultra destra ma non c’è stato il sorpasso che molti temevano: per il momento la coalizione guidata da Angela Merkel tiene. Nel Tema d’ingresso domificato per Berlino, Marte è nella seconda Casa e suggerisce una politica più aggressiva sul fronte finanziario ma anche qualche caduta d’immagine per il Paese che potrebbe eccedere nel difendere il territorio. Mercurio e Giove tuttavia sono nel terzo campo, sempre in ottimo aspetto con Urano nel settimo; gli scambi commerciali e il giro di affari ripartiranno alla grande grazie alle nuove tecnologie e all’arrivo di nuovi partner commerciali.