Cervello sempre giovane? Allenalo con l’enigmistica

Carico il video...

Esercitarsi con le parole crociate, anche per pochi minuti al giorno, è come frequentare un corso di ginnastica per la mente.

Si leggono le definizioni, si contano le caselle, si cerca nell’archivio dei ricordi e delle conoscenze, fino ad arrivare alle soluzioni. La nostra testa funziona come un’orchestra. Tante le aree cerebrali che vengono attivate e che collaborano. Insomma una vera e propria sinfonia.

L’analisi delle risonanze magnetiche hanno dimostrato che si attivano parti distinte del cervello, che dialogano tra loro per portare a termine compiti come quelli richiesti dal cruciverba.

Bastano pochi minuti al giorno

Il cervello va tenuto in forma, esattamente come il resto del nostro corpo. Ormai sono moltissimi gli studi scientifici che dimostrano i vantaggi di un allenamento a base di cruciverba.

Esercitarsi con le parole crociate, anche per poco tempo al giorno, mette in gioco le funzioni cognitive superiori. Pensiero astratto, attenzione, nessi logici, memoria.

Si accendono le sinapsi

Ogni volta che si prova a completare uno schema si favorisce la formazione di nuovi contatti tra i neuroni (sinapsi) e dunque si mantiene il cervello più giovane. Esperimenti e misurazioni eseguite tramite la Pet (tomografia a emissione di positroni) sottolineano che, a pari età, il decadimento cognitivo tra i malati di Alzheimer è più lento in quelle persone che hanno tenuto in esercizio l’intelletto.

Gli inglesi sintetizzano: use it or lose it.

In italiano possiamo tradurre questo adagio britannico con «Usalo o lo perderai». Le parole crociate servono proprio a usare il proprio cervello e a non perderlo. La salute dei neuroni dipende infatti dalla loro stimolazione. Questo è uno dei capisaldi ormai acquisiti dalla scienza. Lo sforzo che richiedono i giochi enigmistici preserva dal declino mentale.

L’enigmistica attiva corteccia e lobi frontali

Durante la risoluzione di un compito come un cruciverba o di un sudoku, si attivano la corteccia e i lobi frontali. Sono le sedi della pianificazione e del pensiero astratto. Inibire tutte le risposte inutili e concentrarsi sulla definizione corretta è un lavoro dell’attività esecutiva, che spinge a portare avanti e a concludere un incarico assegnato. Ma è il ragionamento nella sua interezza a venire stimolato e a imboccare nuove strade.

Spesso ricordare dipende dalla capacità di prestare attenzione a quanto si sta facendo. Un’attività cui si è obbligati se si vuol venire a capo di un cruciverba o di un anagramma.

Un piacere che per una volta costa poco. Con pochi spiccioli ci si garantisce un’intera settimana di giochi. Con un effetto, per la mente, paragonabile a quello di una crema antirughe per il viso.