Magia naturale: i toccasana del mese di Giugno

Giugno è il mese del cambiamento. Pronti a "svestire" i panni dell'inverno? Ecco qualche magia naturale per iniziare al meglio l'estate!

Giugno deve il suo nome a Giunone, la dea romana moglie di Giove. Il 21 – solstizio d’estate – è il giorno più lungo dell’anno. Partendo dal punto più alto del cielo il Sole ricomincia poi ad avvicinarsi alla Terra e le ore di luce diminuiscono fino al 21 dicembre, data del solstizio d’inverno. Gli antichi romani consideravano i due solstizi come riti di passaggio del Sole, protetti dal dio bifronte Giano. Al pari del dio dei cambiamenti, diamo un’occhiata a ciò che abbiamo vissuto nella prima parte dell’anno, approfittando della magica notte di san Giovanni (il 23) per creare talismani e raccogliere potenti erbe officinali.

Le fragole

Nate secondo la leggenda dalle lacrime di Venere, le fragole erano amate da antichi greci e romani. Nel 1700 il botanico Linneo ne mangiava in abbondanza per alleviare l’artrite grazie all’acido acetilsalicidico di cui abbondano. Il frutto è costituito dagli acheni, i piccoli semi gialli che ricoprono la polpa rossa commestibile. La fragola è ricca di vitamina C (utile per assimilare il ferro), di potassio (combatte la ritenzione idrica) e di antiossidanti come l’acido folico, i flavonoidi e il manganese. È anche amica della linea: composta al 90% di acqua, ha un alto contenuto di fibre e il fruttosio presente è uno zucchero a basso indice glicemico.

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Mal di testa: guarda i rimedi naturali a prova di scienza

Sudi troppo? Prova questi rimedi naturali

Cellulite: i rimedi migliori contro la pelle a buccia d’arancia

Rimedi naturali per la salute del cuore? Vietato il fai da te

Mal di testa: ecco i rimedi naturali che funzionano

Bevuto troppo? Se esageri non c’è rimedio

SOS pelle

Dopo essere rimasta ben coperta nei lunghi mesi d’inverno, la nostra epidermide è ora esposta all’azione dannosa dei raggi UVA e UVB, e va protetta con l’uso quotidiano di creme filtranti. In caso di eritema applicare una lozione composta da acqua e tintura madre di calendula e di ortica, ma anche, gel estratto dalle foglie di aloe, sono ottimi rimedi per alleviare il bruciore. Per eliminare l’irritazione -qualora non fosse grave – si possono usare il pane raffermo inzuppato nell’acqua, l’albume di un uovo sbattuto con un cucchiaino di miele, una patata tagliata a fettine sottili, un cavolo triturato o la polpa di fragole schiacciate.

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Mal di testa: guarda i rimedi naturali a prova di scienza

Sudi troppo? Prova questi rimedi naturali

Cellulite: i rimedi migliori contro la pelle a buccia d’arancia

Rimedi naturali per la salute del cuore? Vietato il fai da te

Mal di testa: ecco i rimedi naturali che funzionano

Bevuto troppo? Se esageri non c’è rimedio

Sciogliti

Ripetere ogni mattina la posizione yoga del cobra ci aiuta a muoverci con maggiore elasticità e a liberare le emozioni represse. Proni, gambe e piedi uniti, con la fronte e la punta del naso appoggiate al pavimento, poniamo le mani ai lati del petto. Inspiriamo a fondo e alziamo il capo inarcando il collo all’indietro, seguito da spalle e busto, tenendo gomiti leggermente flessi. Lo sguardo è rivolto prima al soffitto e poi dritto davanti a noi. Manteniamo la posizione per alcune respirazioni complete, e infine riportiamo a terra il busto e la fronte espirando a fondo.

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Mal di testa: guarda i rimedi naturali a prova di scienza

Sudi troppo? Prova questi rimedi naturali

Cellulite: i rimedi migliori contro la pelle a buccia d’arancia

Rimedi naturali per la salute del cuore? Vietato il fai da te

Mal di testa: ecco i rimedi naturali che funzionano

Bevuto troppo? Se esageri non c’è rimedio

Pervinca, elisir di giovinezza

Giugno corrisponde al periodo della pervinca, pianta perenne diffusa in tutta Italia che in questo mese ha la più alta concentrazione di principi attivi. Se ne usano le parti aeree e le foglie, essiccate all’ombra e conservate in sacchetti di tela. Il suo fiore ha sfumature dal violetto all’azzurro, tonalità che, come per la borragine e il ribes nero rivelano presenza di tannini (tonificanti per la circolazione). L’intera pianta contiene la vincamina, una sostanza che migliora la circolazione cerebrale e l’ossigenazione delle cellule nervose contribuendo a rallentarne il processo d’invecchiamento. Per chi fatica a concentrarsi è utile un decotto ottenuto facendo bollire 6 g di foglie in 100 ml d’acqua: bastano 4 tazze al giorno a stomaco vuoto per sentirsi più lucidi. La tintura madre di pervinca è un rimedio contro vertigini e acufene.

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Mal di testa: guarda i rimedi naturali a prova di scienza

Sudi troppo? Prova questi rimedi naturali

Cellulite: i rimedi migliori contro la pelle a buccia d’arancia

Rimedi naturali per la salute del cuore? Vietato il fai da te

Mal di testa: ecco i rimedi naturali che funzionano

Bevuto troppo? Se esageri non c’è rimedio