L’Oroscopo Celtico

Faggio, pioppo, abete o tiglio? Scopri, secondo l'oroscopo Celtico, qual è il tuo albero portafortuna e quali sono le sue caratteristiche più interessanti

Faggio

22 dicembre (solstizio d’inverno)

Caratteristiche generali: Inaugurando la fase ascendente del ciclo solare, questo giorno è stato sempre considerato sacro ed augurale. Analogamente, il tipo Faggio è spesso baciato dalla fortuna, con una forte carica vitale, che investe con perseveranza soprattutto nel campo lavorativo. Ha molta memoria e spirito di osservazione, oltre a doti oratorie che lo rendono persona dalla gradevolissima conversazione, ma a volte un po’ saccente. Attento ad ogni rischio, cura i propri interessi ed ha una natura pragmatica e poco attratta dai “voli pindarici”.

Amore: Anche negli affetti il tipo Faggio è molto prudente e misurato. Cerca legami solidi e duraturi e non ama le “distrazioni”. Con il tipo Quercia può realizzare rapporti vincenti purché si tratti di costruire qualcosa insieme: una famiglia, una casa e uno stile di vita particolare. Umanamente parlando, però, il Faggio può essere arricchito dalla creatività di Abeti o Betulle, che ricambierà con la sua rassicurante solidità.

Amicizia: Non sono molti gli amici del tipo Faggio, un po’ perché egli è spesso occupato per lavoro, un po’ perché è esigente e selettivo. Crede però molto nell’amicizia e, quando instaura rapporti, questi sono sempre profondi e collaudati, in grado quindi di affrontare il tempo. Gli introversi e affidabili Ontano e Pioppo possono essere per lui ottimi amici.

Affinità con gli altri alberi

I rapporti più armoniosi e ispirati si verificano con i nati della Betulla e dell’Abete.

Appartengono a questo albero:

Piero Angela, Alex Baroni, Gianluigi Bonelli, Pierre Brasseur, Giuseppe Bergomi, Ralph Fiennes, Anna Galliena, Giacomo Manzù, Antonio Martino,

Betulla

24 giugno (solstizio d’estate)

Caratteristiche generali: Il sole allo zenith dona al tipo Betulla un carattere estroverso e molto vivace. Letteralmente “solare”, ama brillare di luce propria ed è difficile che passi inosservato. È attratto da tutto ciò che è nuovo e sconosciuto, per questo è un grande viaggiatore e nella vita è capace di trarre insegnamento anche dalle esperienze negative. È istintivamente autorevole ma deve stare attento a non apparire borioso o un po’ cinico.

Amore: Certamente è difficile per il tipo Betulla convivere con qualcuno simile a lui. Ne è consapevole, ed infatti è attratto da persone più equilibrate, come gli Olmo, o rassicuranti e pratici come i Faggio. In questi casi si rivela un amante appassionato e fedele, capace di portare avanti un rapporto con fiducia e responsabilità.

Amicizia: Le persone un po’ abitudinarie o riservate, come l’Ontano o il Noce, troveranno forse il tipo Betulla troppo esuberante o egocentrico, ma in generale è pieno di amici, con i quali è sempre molto disponibile: a volte fin troppo, e può peccare di un eccesso di zelo un po’ invadente.

Affinità con gli altri alberi

Il rapporto più intenso e coinvolgente viene intrecciato di solito con i nati dell’Olmo.

Appartengono a questo albero:

Renzo Arbore, Natalia Aspesi, Marisa Borroni, Maria Carta, Emilio Fede, Augusto Fantozzi, Maurizio Mosca, Carlo Pajetta, Pitagora, Cesare Romiti, Socrate, Edoardo Vianello,

Quercia

21 marzo (equinozio di primavera)

Caratteristiche generali: In analogia al momento del risveglio della natura, il tipo Quercia ha energia da vendere, forza d’animo e grande resistenza. Molto generoso, ama stimolare riconoscenza e ammirazione, aumentando così la propria autostima. È anche persona capace e affidabile, solitamente dotata di naturale carisma; per questo nel lavoro tende a dirigere più che ad eseguire, demandando ad altri le mansioni più umili.

Amore: In amore il tipo Quercia cerca ed offre stabilità e fedeltà. Ha una intensa carica erotica ma non ama disperderla in avventure. Il rispetto e la fiducia sono valori essenziali, per lui: per questo preferisce legarsi a partner affidabili anche se non troppo espansivi, come ad esempio i tipi Ontano o Faggio.

Amicizia: Nell’amicizia il tipo Quercia è meno esigente, e lega volentieri anche con persone più spensierate e comunicative, come ad esempio gli appartenenti al segno del Melo, che riescono a strappargli una risata in qualsiasi momento. È avido di amici, forse perché con loro riesce a lasciarsi andare più che in amore: la sua lealtà comunque non viene meno.

Affinità con gli altri alberi

I nati della Quercia hanno eccellenti probabilità di avere rapporti importanti e duraturi con i nati dell’Ontano.

Appartengono a questo albero:

Luigi Agnolin, Johann Sebastian Bach, Paolo Belli, Francoise Dorleac, Alda Merini, Ayrton Senna, Tullio Solenghi, Luigi Tenco,

Ulivo

23 settembre (equinozio d’autunno)

Caratteristiche generali: Così come il sole comincia a ritirarsi verso l’oscurità in questo momento, il tipo Ulivo ama la pace, la tranquillità di una vita ben integrata nel sociale e senza troppi eccessi. Poco ambizioso, tollerante ma a volte un po’ severo nei giudizi, è alla ricerca di un equilibrio possibilmente stabile, che rafforza con atteggiamenti fin troppo convenzionali: evita così di farsi notare… pur notando ogni cosa.

Amore: Anche in amore cerca più la rassicurazione della similitudine che lo stimolo della diversità, ed è attratto istintivamente dai tipi Olmo o Cipresso; anche dai Frassino, purché non si comportino in modo troppo “anarchico”. Una volta tranquillizzato, l’Ulivo sa essere comunque un amante molto caldo e fantasioso.

Amicizia: La prudenza non è mai troppa nemmeno con gli amici, che per il tipo Ulivo devono essere innanzitutto seri ed onesti, meglio se intellettualmente aperti e disponibili al dialogo. Con i delicati Pioppo o Castagno si trova particolarmente in sintonia, ma può avere amici “per la vita” nei Cipresso.

Affinità con gli altri alberi

I nati dell’Ulivo traggono i maggiori benefici dal rapporto con i nati dell’Olmo e del Cipresso.

Appartengono a questo albero:

Cesare Augusto, Cherie Booth Blair, Josefa Idem, Julio Iglesias, John Marshall, Aldo Moro, Gino Paoli, Eleonora Rossi Drago, Paolo Rossi, Graziano Salvadori

Nocciolo

dal 22 al 31 marzo – dal 24 settembre al 3 ottobre

Caratteristiche Generali: Il tipo Nocciolo si nota poco in compagnia: gracile e raffinato, ha tuttavia un mondo interiore ricco e travolgente, e chiede solo di poterlo condividere, anche se è consapevole che non tutti possono apprezzarlo. Per questo sa pazientare e non imporsi, ma è sempre disposto ad accogliere le richieste altrui, nonché a rischiare ogni avventura che la vita gli proponga.

Amore: La grande sensibilità del Nocciolo lo rende un partner attento ed affettuoso, molto romantico, per quanto un po’ insicuro ed emotivamente delicato. Più che di dialogo o di interessi comuni, cerca una sintonia sottile e quasi telepatica, di quelle che portano gli innamorati a vivere con i piedi a un palmo da terra. Con i tipi Salice o Tiglio il rapporto è intenso ma forse troppo etereo; più sano e strutturante un legame con il Cipresso.

Amicizia: Essendo molto empatico e spontaneamente portato alla comprensione altrui, il Nocciolo si trova bene con le persone e loro con lui. Non è certo il “compagnone” con cui divertirsi o far follie, però sa esserci quando necessario e anche ritirarsi discretamente, nel caso, dopo aver detto qualche parola attenta ed ascoltato molto.

Affinità con gli altri alberi

Il Nocciolo ha come compagno più congeniale alle sue caratteristiche il Melo.

Appartengono a questo albero:

Dante Alighieri, Tina Anselmi, Monica Bellucci, Silvio Berlusconi, Fausto Bertinotti, Tinto Brass, Billy Carter, Aretha Franklin, Elton John, Ghandhi, Akira Kurosawa, Nino Manfredi, Steve Mc Queen, Mina, Palmiro Togliatti, Carlo Rubbia, Simone Signoret, Ugo Tognazzi, Lech Walesa, Tennessee Williams

Corniolo

dall’1 al 10 aprile – dal 4 al 13 ottobre

Caratteristiche Generali: Il tipo Corniolo è esuberante, intuitivo ed incredibilmente vitale. Ama rischiare e desidera soprattutto non passare inosservato, lasciare una traccia di sé, magari per qualcosa di eccezionale che ha fatto o scoperto. Per questo vive con l’adrenalina sempre a livelli alti, in un’inquietudine che detesta l’ozio, ma che può diventare dispersiva o troppo stressante.

Amore: Eccentrico ed assetato di stimoli com’è, il tipo Corniolo ama le avventure ed è portato ai colpi di fulmine, tanto folgoranti quanto rapidi a trasformarsi in indifferenza, se il partner non corrisponde l’entusiasmo allo stesso modo; sei poi si sente frenato o soffocato, il Corniolo può diventare anche aggressivo. Comunque instaura ottimi rapporti con tipi più saggi o costruttivi, ma non banali, come l’Ulivo o l’Abete.

Amicizia: Con gli amici il Corniolo ama condividere la spensieratezza e la fantasia, quindi devono essere disponibili a osare e capaci di divertirsi. Gli appartenenti al segno del Bagolaro sono perfetti, purché non si prendano tutto il palcoscenico…

Affinità con gli altri alberi

Il nato del Corniolo compie un’ottima scelta quando decide di passare la sua vita con l’Ulivo.

Appartengono a questo albero:

Marcello Abbado, Marlon Brando, Vincenzo Balzamo, Miguel Bosè, Yuri Chechi, Bette Davis, Alec Guinness, Nilde Jotti, John Lennon, Carlo Lizzani, Yves Montand, Gregory Peck, Anthony Perkins, Ottavia Piccolo, Vladimir Putin, Catherine Spaak, Herbert Von Karajan, Sigourney Weaver

Acero

dall’11 al 20 aprile – dal 14 al 23 ottobre

Caratteristiche Generali: Il tipo Acero è indubbiamente interessante: orgoglioso, narcisista, vive la vita come una sacra battaglia in cui persegue vittorie con grande capacità e determinazione. A volte è solitario, perché considera i propri scopi, anche lavorativi, alla stregua di una missione a cui sacrificare ozi o divertimenti. Può giungere molto in alto, ma difficilmente si sentirà soddisfatto e cercherà sempre qualcosa di nuovo o di più.

Amore: Affascinante e raffinato, l’Acero sa ammaliare con rapidità e di rado sbaglia un colpo. Però la vita domestica non fa per lui. Può essere tentato dalla delicatezza dei tipi Salice e Nocciolo, ma dovrà essere in grado di guidarli e proteggerli senza violentarne la sensibilità. Con gli altri Acero invece creerà un rapporto di grande forza e quasi indistruttibile.

Amicizia: Purché non siano sedentari o troppo legati alle convenzioni, accetta volentieri tanti amici. Con loro desidera “fare” e si innervosisce in fretta se dall’altra parte avverte un’eccessiva richiesta di dialogo o confidenze. Buono il rapporto con il Bagolaro e con il Pino.

Affinità con gli altri alberi

Gli accordi migliori vengono realizzati con i nati del Melo e del Bagolaro.

Appartengono a questo albero:

Norberto Bobbio, Dino Buzzati, Italo Calvino, Claudia Cardinale, Caterina de’ Medici, Charlie Chaplin, Montgomery Clift, Massimo D’Alema, Lilli Gruber, Rita Hayworth, Oreste Lionello, Barbara Palombelli, Sara Simeoni, Natasha Stefanenko, Antonino Zichichi

Noce

dal 21 al 30 aprile – dal 24 ottobre al 2 novembre

Caratteristiche Generali: Enigmatico e un po’ misterioso, il tipo Noce è ricercato per la sua intelligenza lucida e penetrante, la sua capacità di risolvere le situazioni più ingarbugliate. È portato istintivamente a proteggere i più deboli, però deve stare attento a non diventare manipolatore. A volte tende a isolarsi dalla mondanità, forse per meditare al riparo delle distrazioni, o forse solo per aumentare il proprio fascino…

Amore: Il tipo Noce è di quelli che sanno “farsi desiderare”, ma la sua non è solo una strategia seduttiva: è davvero un po’ restio a lasciarsi andare, e lo fa solo se e quando si fida totalmente. In quel caso è molto sensuale e affettuoso. I tipi Quercia o Frassino possono farlo uscire dal guscio.

Amicizia: Non è facile essergli amico, per colpa dei suoi sbalzi d’umore e del suo carattere dominatore. A volte è inavvicinabile e scostante, altre volte disponibile e più aperto, per cui solo amici pazienti e dotati di grande tolleranza possono accettarlo. Gli appartenenti a Castagno o Cipresso, per esempio.

Affinità con gli altri alberi

I nato del Noce riescono a vivere in modo immediato e spontaneo soprattutto con la Quesrci e con l’Acero.

Appartengono a questo albero:

Roberto Benigni, Nino Benvenuti, Georges-Jacques Danton, Elisabetta II d’Inghilterra, Lenin, Rita Levi Montalcini, Diego Armando Maradona. Enrico Mattei, Francois Mitterand, Indro Montanelli, Al Pacino, Pablo Picasso, Anthony Quinn, Eros Ramazzotti, Julia Roberts, Kim Rossi Stuart, Marco Van Basten, William Alexander d’Olanda, Walter Zenga

Pioppo

dall’1 al 10 maggio – dal 3 al 12 novembre

Caratteristiche Generali: Il tipo Pioppo è intelligente, acuto e gentile, ha un grande senso di responsabilità e può gestire bene ruoli dirigenziali o delicati. Ha tuttavia una natura più contemplativa che operativa: tendenzialmente malinconico, sembra quasi gravato da un senso di impermanenza che gli impedisce di gioire pienamente della vita. Per questo può attraversare momenti di chiusura, ma non si tira mai indietro di fronte ai doveri.

Amore: Contrariamente a quanto potrebbe mostrare, il tipo Pioppo è desideroso di coccole e gratificazioni, e ricompensa con fedeltà e tenerezza chi sa stargli vicino apprezzandone la ricchezza interiore. Troppo languido il rapporto con il tipo Salice. I tipi Melo o Quercia possono invece offrirgli l’energia e l’ottimismo di cui è carente.

Amicizia: Essendo persona affidabile e spesso di buona cultura, al Pioppo non mancano certo le conoscenze; tuttavia, se parliamo di vere amicizie, è molto cauto nella scelta, anche se in genere non si fa influenzare dalle apparenze e segue l’istinto. Ottimo il rapporto con il pacifico Tiglio.

Affinità con gli altri alberi

I migliori compagni del Pioppo sono senz’altro il Melo e la Quercia, solidi e generosi. Ottime relazioni possono essere instaurate anche con i nati del Tiglio

Appartengono a questo albero:

Christian Barnard, Sergio Berlinguer, Gino Cervi, Gary Cooper, Serse Cosmi, Alain Delon, Alessandra Ferri, Sigmund Freud, Audrey Hepburn, Martin Lutero, Carlo Marx, Giovanna Mezzogiorno, Ennio Morricone, Tyrone Power, Gigi Riva, Maximilien Robespierre, Roberto Rossellini, Rodolfo Valentino, Raimondo Vianello, Orson Welles,Appartengono a questo albero:

Castagno

dall’11 al 21 maggio – dal 13 al 22 novembre

Caratteristiche Generali: Sano, forte, spesso bello, il tipo Castagno ha senso pratico da vendere e sa convivere con gli aspetti meno gratificanti della vita, pur combattendo ogni forma di meschinità o ingiustizia. È dotato di una naturale nobiltà, ma in certi casi il suo rigore morale lo irrigidisce un po’ troppo, trasformando la sua saggezza in dogmatismo. È comunque una persona disponibile a mettersi in discussione e capace di migliorarsi.

Amore: Il Castagno non è molto esigente in amore, anche se in genere tarda a decidersi. Apprezza soprattutto gli animi sinceri e generosi, come i tipi Pino o Betulla, e con loro riesce ad esprimere al meglio i propri sentimenti ed anche la propria carica erotica.

Amicizia: Anche con le amicizie il Castagno è selettivo solo sul piano etico, e quindi si trova a proprio agio con quasi tutti, ma non nelle compagnie troppo numerose. Non pretende amicizie eterne e si accontenta del piacere di stare insieme. Per questo non è mai invadente, ed è quindi un amico prezioso, rispettoso delle diversità e sempre disponibile alla comprensione.

Affinità con gli altri alberi

I nati sotto il Castagno trovano una comune filosofia di vita con i nati del Pino e della Betulla.

Appartengono a questo albero:

Madeleine Albright, Carlo d’Inghilterra, Salvador Dalì, Brian Eno, Valentino Garavani, Marco Ferreri, Margot Fonteyn, Jodie Foster, Indira Gandhi, Katherine Hepburn, Ho Chi Minh, Rock Hudson, Robert Kennedy, Malcom X, Mao Tse-Tung, Mario Monicelli, Mario Soldati, Giovanni Soldini, James Stewart, Carlo Verdone, Voltaire

Frassino

dal 22 maggio al 1° giugno – dal 23 novembre al 2 dicembre

Caratteristiche Generali: Il tipo Frassino è molto furbo, abile, vivace, di grande acume. È anche un po’ vanitoso e non ama essere costretto a fare – o a non fare – qualche cosa: vive sull’onda del momento e non si pone troppi problemi etici, così da comportarsi in modo egoista o altruista con la stessa disinvoltura. Spirito libero, non è influenzabile ma nemmeno cerca di influenzare gli altri, che a suo modo rispetta molto.

Amore: Amante del gioco e della libertà, il tipo Frassino rifugge dalle costrizioni come dalla peste, ma se gli si lascia condurre il rapporto sa dimostrare quanto l’amore conti nella sua vita. Facile il flirt con il Corniolo, più duraturo ed arricchente il rapporto con l’Ulivo.

Amicizia: Il Frassino non sopporta i tipi troppo fragili o introspettivi come il Nocciolo o il Salice, e preferisce di gran lunga personalità forti come il Faggio o la Quercia. Però è spesso insoddisfatto e cerca volentieri nuove conoscenze, che lo stimolano più di un’amicizia stabile.

Affinità con gli altri alberi

I nati del Frassino formano le coppie più stabili e solide con i nati dell’Ulivo e del Faggio.

Appartengono a questo albero:

Woody Allen, Laura Antonelli, Enrico Berlinguer, Mike Bongiorno, Charles De Gaulle, Eduardo De Filippo, Bob Dylan, Clint Eastwood, Fabio Fazio, André Gide, Rudolph Giuliani, John Kennedy, Mino Martinazzoli, Don Lorenzo Milani, Alberto Moravia, Giuseppe Tornatore, Gianni Versace, Umberto Veronesi, John Wayne

Carpino

dal 2 al 12 giugno – dal 3 al 12 dicembre

Caratteristiche Generali: Mondano ed appariscente, il tipo Carpino è persona molto socievole e amante delle comodità. I modi sono un po’ ricercati, ma mai eccessivi o volgari. È infatti molto legato al piano estetico, e per questo non ispira immediate simpatie, anche se con la maturità riesce ad acquisire tratti più semplici e spontanei. Sul lavoro è molto abile e stimato.

Amore: Difficilmente il Carpino si lascia andare ad effusioni o dichiarazioni d’amore. Non è timidezza, è piuttosto paura di scoprirsi e quindi di essere troppo responsabilizzato. Ha bisogno di un partner che ne sopporti i vezzi e lo faccia crescere con discrezione: Olmo o Pioppo possono essere adatti.

Amicizia: Essendo tanto a suo agio in società, il tipo Carpino adora la compagnia di persone brillanti, alla moda e ben “inserite”. Però con gli amici preferisce condividere ideali o attività, non certo solo qualche chiacchiera. Di fatto, è meno superficiale di quanto sembri a prima vista, e col tempo si rivela persino leale…

Affinità con gli altri alberi

I nati sotto il Carpino riescono a instaurare un rapporto di massima fiducia con i nato del Pioppo e del Bagolaro.

Appartengono a questo albero:

Alberto del Belgio, Gae Aulenti, Italo Balbo, Pippo Baudo, Rocco Buttiglione, Pierferdinando Casini, Carlo Azeglio Ciampi, Tony Curtis, Lanfranco Dettori, Judy Garland, Margherita Hack, Enzo Jannacci, Dean Martin, Gianni Morandi, Amedeo Nazzari, Carlo Ponti, Stefania Sandrelli, Frank Sinatra, Susanna Tamaro

Fico

dal 13 al 23 giugno – dal 13 al 21 dicembre

Caratteristiche Generali: Come l’Ulivo, il Fico è una albero tradizionalmente sacro. Il nativo di questo segno ha infatti una personalità “importante”, sa essere molto generoso, ma a volte risulta saccente e moralistico, tanto severo nei confronti degli altri quanto poco disposto ad accettarne le critiche. Eppure non è forte quanto vorrebbe sembrare ed ha un inesauribile bisogno di ammirazione.

Amore: Il tipo Fico si appassiona volentieri, soprattutto perché ama farsi notare e provare – nonché stimolare – emozioni. E’ tuttavia alla ricerca di un rapporto stabile, perché la famiglia è per lui un sacro valore. I tipi Pino, Noce o Betulla sanno arginarne gli eccessi molto bene.

Amicizia: Troppo autonomo e capriccioso per essere un amico fidato, il Fico è soprattutto un ottimo compagno di viaggio o di avventura. D’altra parte non sopporta di ricevere consigli o di essere analizzato o giudicato, quindi preferisce offrire partecipazione nelle attività o nei bisogni pratici. Buona la complicità con il Frassino.

Affinità con gli altri alberi

Il lato migliore dei nati del Fico viene esaltato dai nati del Pino e della Betulla.

Appartengono a questo albero:

Giacomo Agostini, Willy Brandt, Raffaella Carrà, Luciano Chailly, Mario Cuomo, Enrico IV, Gustave Flaubert, Fernanda Gattinoni, Piero Gobetti, Nicole Kidman, Edith Piaf, Brad Pitt, Francesco Rutelli, Alberto Sordi, Steven Spielberg, Alberto Tomba, William d’Inghilterra

Melo

dal 25 giugno al 4 luglio – dal 23 dicembre al 1° gennaio

Caratteristiche Generali: Il tipo Melo ha un carattere da adolescente: giocoso, ingenuo, allegro, curioso e sempre in cerca di esperienze e di avventure. La sua leggerezza lo rende simpatico a prima vista, ma da qualcuno può essere considerato un po’ frivolo. È comunque un animo generoso e aperto, disposto a conoscere tutti e tutto, magari non proprio profondamente ma sinceramente.

Amore: Dotato di un’esuberante carica erotica, il Melo si trova a proprio agio nei flirt, mentre di fronte a richieste più serie e responsabilizzanti si tira un po’ indietro. Ama le situazioni intriganti; ama anche essere corteggiato e gratificato, ma senza troppa invadenza. È un partner salutare per i tipi delicati come Pioppo o Salice, ma è attratto dal carismatico Acero.

Amicizia: Il tipo Melo sta benissimo in compagnia ed emana buon umore, a meno che dall’altra parte non abbia persone troppo “seriose”, nel qual caso può annoiarsi, intristirsi… o meglio ancora fuggire. A lui piacciono i tipi diretti, dinamici e ricchi di iniziativa come il Corniolo, il Frassino, il Fico.

Affinità con gli altri alberi

Le relazioni più forti e intense vengono intrecciate con i nati del Pioppo.

Appartengono a questo albero:

Claudio Abbado, Francesco Alberoni, Michele Alboreto, Alberto Bevilacqua, Alessandro Blasetti, Renato Carosone, Zeno Colò, Diana d’Inghilterra, Marlene Dietrich, Enrico VIII, Oriana Fallaci, Sabrina Ferilli, Renato Guttuso, Anthony Hopkins, Gina Lollobrigida, Michele Santoro, Liv Tyler, Valter Veltroni, Claudio Villa, Denzel Washington, Simon Wiesenthal

Abete

dal 5 al 14 luglio – dal 2 all’11 gennaio

Caratteristiche Generali: Personalità sobria e matura, il tipo Abete è la classica “brava persona”, e non certo in senso riduttivo. Ambizioso con moderazione, grande lavoratore ma sempre consapevole che i valori più importanti sono altri, può comunque infervorarsi per cause nobili ed ha bisogno di dare un senso alla propria esistenza. E’ attratto ma un po’ spaventato dal piano metafisico.

Amore: L’Abete è un amante coinvolgente e totalizzante. Offre e richiede dedizione e fedeltà, per questo non trova facilmente un partner adatto e lui per primo rinuncia a molte occasioni, se non sente dall’altra parte il medesimo impegno. Per unire dolcezza a solidità possono andar bene tipi come il Faggio o la Quercia.

Amicizia: Essendo un po’ riservato, l’Abete lega più volentieri con persone con cui ha qualcosa in comune: il lavoro, un passatempo, un ideale. Difende la propria privacy e si confida con cautela e solo in tempi lunghi. Il Nocciolo o il Castagno possono aiutarlo ad aprirsi.

Affinità con gli altri alberi

L’Abeta va particolarmente d’accordo con i nativi del Castagno e della Betulla.

Appartengono a questo albero:

Giorgio Armani, Isaac Asimov, Arturo Benedetti Michelangeli, Fabrizio Bentivoglio, Adriano Celentano, Vittorio De Sica, Umberto Eco, Mel Gibson, Monica Guerritore, Tom Hanks, Juan Carlos di Borbone, Sergio Leone, Domenico Modugno, Pablo Neruda, Adriano Panatta, Maurizio Pollini, Elvis Presley, Michael Schumacher, Michele Serra, Elémire Zolla

Olmo

dal 15 al 24 luglio – dal 12 al 21 gennaio

Caratteristiche Generali: Il tipo Olmo ha molti pregi e pochi difetti. Tra i primi sono senz’altro da ricordare una sincera bontà d’animo, la fiducia negli altri e nella vita, la coscienziosità, la disponibilità. Tra i secondi una certa tendenza al conformismo e all’indolenza: peccati veniali, in fondo. È spesso coinvolto in campo sociale e accetta la vita così come viene, senza grossi crucci né troppe aspettative.

Amore: Tradizionalista e discreto, l’Olmo è un partner affettuoso e comprensivo, a volte talmente generoso di attenzioni da diventare un po’ opprimente. Sempre disponibile al dialogo, è comunque poco elastico sui valori che reputa primari, come il rispetto e l’onestà. Si sente capito dal prudente Ulivo.

Amicizia: È più un infermiere che un amico, e comunque sa essere impagabile soprattutto nel dare conforto e compagnia, più che in ambito ricreativo. Ma appunto per questo è un amico raro e prezioso, di quelli che ci sono per tutti, che non dicono mai di no: e non perché non sappiano farlo.

Affinità con gli altri alberi

Le relazioni più coinvolgenti vengono intrecciate con i nati del Fico e dell’Ulivo.

Appartengono a questo albero:

José Altafini, Ferruccio Amendola, Giulio Andreotti, Gino Bartali, Alessandro Bergonzoni, Margherita Buy, Rossana Casale, Camilla Cederna, Cassius Clay, Federico Fellini, Cary Grant, Beppe Grillo, Nelson Mandela, Enrico Mentana, Milva, Molière, Marco Pantani, Edgar Allan Poe, Franca Rame, Robin Williams

Cipresso

dal 25 luglio al 3 agosto – dal 22 al 31 gennaio

Caratteristiche Generali: Come altri sempreverdi, il Cipresso è considerato un tipo resistente e longevo. Ciò è dovuto soprattutto al suo carattere ottimista, tollerante e insomma “positivo”. Molto autonomo fin da giovane, non pretende comunque di raggiungere grandi traguardi: ama la vita semplice, la natura, gli animali ma non è eccentrico o solitario: semplicemente cerca di evitare le complicazioni ma, se necessario, dimostra grinta e capacità.

Amore: Il Cipresso emana un fascino tutto naturale e spontaneo, per la sua simpatia e i suoi modi garbatamente civettuoli. In amore non è esigente, ma non sopporta i legami troppo stretti o morbosi. Gli piace condividere ideali e attività con il partner, tra cui i più adatti sono i tipi Noce, Tiglio ed Ulivo.

Amicizia: Per il Cipresso l’amicizia è il più alto dei valori, ancor più dell’amore. Per questo sa instaurare rapporti intensi e duraturi, senza pretendere in cambio altro che sincerità. Lega bene con tutti, ma diventa critico con i tipi troppo ambiziosi o rigidi, come il Faggio o l’Acero.

Affinità con gli altri alberi

I migliori campagni di vita del Cipresso sono sicuramente la Betulla e l’Ulivo.

Appartengono a questo albero:

Giovanni Arpino, Corrado Augias, Carolina di Monaco, Sergio Cofferati, Corrado, Francesco Cossiga, Giancarlo Giannini, Giovanna Melandri, Jeanne Moreau, Wolfang Amadeus Mozart, Benito Mussolini, Riccardo Muti, Leoluca Orlando, Paul Newman, Jacqueline Kennedy Onassis, Giovanni Pirelli, Ingrid Thulin, Roger Vadim

Pino

dal 4 al 13 agosto – dall’1 al 10 febbraio

Caratteristiche Generali: Il tipo Pino è un esteta, quasi maniacale nel suo perfezionismo, molto legato alla forma. Più resistente che forte, affronta la vita con determinazione cercando di “fare esperienza” di ogni cosa, anche la più strana o difficile. Ama lo sport e soprattutto il senso di salute che ne deriva, ma ha un forte senso del dovere e quindi raramente si comporta in modo incosciente.

Amore: Nei rapporti affettivi il Pino è assai meno resistente, e quando – spesso – si innamora, allora ogni sua difesa crolla e diventa dipendente e vulnerabile. Però non si adagia mai e sa anzi tenere accesa la fiaccola della passione, ricercando modi sempre nuovi per vivificare il rapporto. Con il Fico, il Castagno o l’Abete può essere per sempre.

Amicizia: Il Pino non è persona che si risparmia e, poiché ama la bellezza, cerca sempre di dare il meglio di sé. Per questo ha molti amici che gli vogliono bene, ma lui mal sopporta le persone ambigue o trasandate. Ottimo il rapporto con gli altri sempreverdi; più profondo quello con il Bagolaro.

Affinità con gli altri alberi

Un ottimo compagno di vita e di avventure per il Pino è sicuramente il nativo del Bagolaro.

Appartengono a questo albero:

Antonio Banderas, Enzo Biagi, Rosy Bindi, Carlo Castellaneta, Fidel Castro, Dino De Laurentis, James Dean, Ambrogio Fogar, Clark Gable, Megan Gale, Dustin Hoffman, Whitney Houston, Filippo Inzaghi, Jack Lemmon, Marco Melandri, Pietro Nenni, Auguste Renoir, Vasco Rossi, Silvio Soldini, Renata Tebaldi, Leo Valiani, Federico Zeri,

Bagolaro

dal 14 al 23 agosto- dall’11 al 20 febbraio

Caratteristiche Generali: Il tipo Bagolaro è un simpatico pazzerello, che sembra aver dichiarato guerra alla noia e alla mediocrità! Originale e fantasioso, ha spesso modi un po’ insolenti che possono procurargli qualche guaio, ma che gli assicurano comunque una certa notorietà. Infatti ama attirare su di sé l’attenzione e per questo potrebbe essere un buon personaggio dello spettacolo.

Amore: Con il carattere brillante ed egocentrico che si ritrova, il Bagolaro sa indubbiamente colpire e ammaliare. Ma non è solo questo che cerca: è infatti capace di sentimenti profondi e duraturi, anche se ha bisogno di sentirsi continuamente corteggiato e adorato. È attratto particolarmente dal Fico e dal Pino.

Amicizia: Tra amici, il Bagolaro è sempre il più esuberante, un intrattenitore instancabile, spiritoso e chiacchierone. Però è un po’ ingenuo, e qualche delusione deve metterla in conto. Il divertimento è comunque assicurato con i tipi Betulla e Corniolo.

Affinità con gli altri alberi

La relazione migliore si realizza con i nati del Frassino, ma buoni accordi possono instaurarsi anche con il Pino e con la Quercia.

Appartengono a questo albero:

Claudio Amendola, Bertold Brecht, Sergio Castellitto, Bill Clinton, Fabrizio De Andrè, Robert De Niro, Gianfranco Ferrè, Carla Fracci, Abraham Lincoln, Madonna, Valerio Mastandrea, Carlo Maria Martini, Nanni Moretti, Kim Novak, Robert Redford, Gianni Rivera, Valentino Rossi, George Simenon, Giorgio Strehler, Massimo Troisi, Vittorio Zucconi

Ontano

dal 24 agosto al 2 settembre – dal 21 febbraio al 1 marzo

Caratteristiche Generali: Introverso, intelligente e in genere di ottima cultura, il tipo Ontano ha soprattutto un ottimo senso pratico che gli permette di pianificare bene la propria vita e il proprio lavoro. Per questo si fa apprezzare più per la serietà che per la generosità o la simpatia. È anche un fine parlatore e potrebbe essere un ottimo critico d’arte.

Amore: L’Ontano ha un incredibile autocontrollo ed è raro che lasci trasparire emozioni: ciò non significa che non le provi, anzi, il suo cuore si infiamma di rado ma con grande intensità! Purtroppo trasferisce anche in campo affettivo l’istinto a organizzare, e questo ostacola l’espressione spontanea dei suoi sentimenti. Lega più facilmente con i tipi Ulivo, Quercia, Olmo.

Amicizia: Anche se è abbastanza solitario, l’Ontano considera l’amicizia molto importante: lo spaventa meno dell’amore e quindi gli permette di aprirsi e rapportarsi agli altri in modo meno rigido o prudente. Con gli amici ama condividere interessi culturali più che passatempi ricreativi.

Affinità con gli altri alberi

Il noto Ontano può vivere una relazione molto forte e importante con i nati della Quercia e dell’Olmo.

Appartengono a questo albero:

Agostino Abbagnale, Yasir Arafat, Ingrid Bergman, Giorgio Bocca, Sean Connery, Maurizio Costanzo, Renato, Peppino De Filippo, Renato Dulbecco, Vittorio Gassmann, Richard Gere, Luca Goldoni, Ruud Gullit, George Harrison, Luca Cordero di Montezemolo, David Niven, Leopoldo Pirelli, Alan Prost, Gioacchino Rossini, Elisabeth Taylor, Teo Teocoli, Aroldo Tieri

Salice

dal 3 al 12 settembre – dal 2 all’11 marzo

Caratteristiche Generali: Il tipo Salice ha una personalità complessa e a volte un po’ nevrotica. Di grande sensibilità, tende ad essere malinconico e sembra preferire il mondo dell’arte, della poesia o del sogno alla vita reale. Non è comunque fragilissimo e la sua tendenza ad autocommiserarsi nasconde forse una sottile presunzione da “incompreso” che tuttavia, si sa, fa tanta tenerezza…

Amore: Il Salice vive l’amore come un estatico tormento: romantico e appassionato, non sa risolvere un certo “complesso di abbandono” e quindi non riesce ad essere mai completamente felice di un rapporto, spesso soffocando il partner con la sua gelosia. È rassicurato e spronato da Faggio e Noce.

Amicizia: La vita sociale non piace molto all’introverso Salice, che di solito passa il tempo libero a leggere poesie o ad ascoltare musica, meditando sul tempo che passa… È interessato solo a rapporti empatici, come quelli che può avere con i tipi Nocciolo o Pioppo; con l’Acero riesce ad abbandonarsi, e forse anche a crescere.

Affinità con gli altri alberi

Le relazioni migliori del Salice sono quelle che si instaurano con i più solidi nati del Faggio e dell’Ulivo.

Appartengono a questo albero:

Stefano Accorsi, Baldovino del Belgio, Giorgio Bassani, Lucio Battisti, Emma Bonino, Isabella Bossi Fedrigotti, Federico Chopin, Lucio Dalla, Michail Gorbaciov, Miriam Makeba, Gabriel Garcia Marquez, Anna Magnani, Paola del Belgio, Pierpaolo Pasolini, Cesare Pavese, Nicola Pietrangeli, Sergio Pininfarina, Peter Sellers,

Tiglio

dal 13 al 22 settembre – dal 12 al 20 marzo

Caratteristiche Generali: Il tipo Tiglio, più di ogni altra cosa, desidera starsene in pace. Detesta la competizione, lo stress da carriera ed evita se possibile ogni pur piccolo litigio o grattacapo. Per questo accetta continui compromessi e a volte rinuncia a esperienze importanti pur di non sentirsi sotto pressione. È comunque una persona molto dinamica, anche perché preferisce l’eclettismo alla specializzazione…

Amore: Il Tiglio piace istintivamente per i suoi modi equilibrati e riposanti. È anche un partner caldo, dolce e fantasioso, purché il rapporto non riveli complicazioni emotive o richieda eccessivi sacrifici o scelte dirette. Nocciolo, Olmo o Cipresso possono essere partner adatti.

Amicizia: Con gli amici il Tiglio è molto protettivo e tollerante. È sempre disposto a capire, pazientare o perdonare, e di solito è lui che fa da mediatore se in compagnia nasce qualche conflitto. Difficilmente si lascia andare a una critica, altrettanto difficilmente la accetta, ma con il Cipresso o il Castagno può fare un’eccezione.

Affinità con gli altri alberi

Senza ombra di dubbio il nato del Tiglio si trova a proprio agio soprattutto con i nati del Cipresso.

Appartengono a questo albero:

Gianni Agnelli, Asia Argento, Antonio Bassolino, Bernardo Bertolucci, Alessandro Cecchi Paone, Billy Cristal, Greta Garbo, Isabelle Huppert, Rosa Russo Jervolino, Luciano Ligabue, Sofia Loren, Reinhold Messner, Liza Minnelli, Marcel Proust,  Sergej Rachmaninov, Enrico Maria Salerno, Girolamo Savonarola, Dionigi Tettamanzi, Jody Vender, Cesare Zavattini