Ah che Fortuna! Cos’è, cosa significa e come si trova

fortuna significato

Ma la fortuna ci è o ci fa? Esiste davvero? Proviamo a capirne insieme il come e il perché ma soprattutto, il suo significato.

Perché ci sembra che la fortuna giri sempre e soltanto intorno a certe persone, come d’altra parte fa anche la sfortuna? Ma la fortuna esiste o è semplicemente la capacità di fare scelte giuste al momento giusto? Ciascuno è artefice della propria fortuna, dicevano i Romani. Ma allora perché qualcuno la strada sembra sempre essere in discesa? Proviamo a far chiarezza e capire il significato della fortuna.

Dipende, tutto dipende

Per chi cerca una spiegazione, eccone 4.

  • Per chi crede nella reincarnazione: ciò che ci accade è legato a problemi non risolti in vite passate e serve ad evolvere spiritualmente, nel presente
  • Per chi crede nell’esoterismo: è il frutto di energie positive (o negative) che si susseguono, incontrano e si incastrano le une nelle altre
  • Per chi ha fede in Dio: qualsiasi “fortuna o sfortuna” va accettata senza domande
  • Per chi è ateo: è semplicemente frutto del caso, della casualità degli eventi

Ma c’è un aspetto importante della fortuna che non va sottovalutato. È ambivalente: può diventare sfortuna e viceversa, soprattutto se non viene rispettata e utilizzata in maniera scorretta. Bisogna sempre ricordarsi quindi che arriva sempre in compagnia del suo opposto, un po’ come lo yin e lo yang cinesi.

Nell’antichità

Nell’antica Roma la dea Fortuna – considerata la dea della prosperità e della felicità – vantava ben 26 templi, ciascuno dedicato alla sua indole piuttosto capricciosa. Nel medioevo infatti, veniva rappresenta in bilico su una palla o su una ruota per ricordarne l’instabilità. I Romani erano convinti che i grandi eventi fossero guidati dal Fato o Destino, mentre le vicende umane dalla Fortuna. Nell’antica Grecia era associata alla dea Tyche e si celebrava con una festa il 24 giugno che per noi è la ricorrenza magica di San Giovanni d’estate.

Tempi moderni

Oggi la società non ha più bisogno di templi – piuttosto di denaro, salute e amore – ma ciò non vuol dire che non si facciano scongiuri per attirare la Fortuna! Per esempio? Mangiare le lenticchie a Capodanno, guardare la luna piena con una moneta nella mano, usare amuleti e talismani, portare con sé l’arcano maggiore numero 10…

Avete mai sentito parlare della legge di attrazione di cui Rhonda Byrne parla nel libro The Secret? Si tratta di un modo di porsi nei confronti del mondo che, attraverso una pratica di focalizzazione del pensiero, attira verso di noi ciò che desideriamo. In breve, l’ottimista attira la fortuna mentre il pessimista la respinge. Il credersi fortunato ci fa entrare nella corrente giusta e ci fa trovare l’equilibrio universale. E il credersi sfortunato invece? Ce lo impedisce, ovviamente.

Nell’Astrologia

Non ci sperate: non ci sono segni zodiacali più fortunati di altri ma ci sono però persone che vivono in maniera attiva – e non passiva – le indicazioni del tema natale e questo, può essere già considerato una fortuna.

La fortuna non dipende dal segno zodiacale ma da come lo si vive. Spesso è la posizione di Giove – il Grande Benefico – a regalarci fortuna e successo. Certo è necessario un Giove posizionato in maniera particolare, come ad esempio nel segno di cui è governatore, in esaltazione, e/o avere forti aspetti con altri pianeti importanti come Venere o Plutone. Ma è comunque difficile stabilire se Giove vi renderà ricchi come sceicchi o meno.

Perché non lo scoprite calcolando il vostro Tema Natale?

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Sei sfortunato?

Il significato dei numeri da 18 a 26

Le coppie 2017: Pesci

Se i parenti sono serpenti, i colleghi sono…?